Chiesa dei Francescani, il barocco di Lubiana

di
La Chiesa dei Francescani a Lubiana © Andrea Lessona

La Chiesa dei Francescani a Lubiana © Andrea Lessona

L’ombra della chiesa dei Francescani disegna di barocco il pavé in piazza Prešeren, cuore di Lubiana. Alzando lo sguardo verso la sua facciata imponente, le mura mi riempiono gli occhi di rosso: il colore dell’ordine monastico fondato da San Francesco.

Dove oggi sorge questo edificio ecclesiastico, il primo barocco costruito ex novo in città, nel XV secolo c’era un santuario poi demolito. Nel XVII secolo, invece, una cappella minore precedette la realizzazione della chiesa più grande ad aula. La sua edificazione iniziò dopo il 1646 e terminò nel 1660.

Col sole che danza dispettoso tra le nuvole nel centro della capitale slovena, cerco di guardare l’alta facciata, sormontata ai fianchi da due volute. È stata rimaneggiata in molte occasioni, soprattutto nell’Ottocento.

In cima al timpano della chiesa dei Francescani, conosciuta anche come chiesa dell’Annunciazione della Vergine, vedo la grande statua della Madonna di Lourdes con il Bambino. L’opera, realizzata nel 1858, sostituì la Madonnina Nera in legno che c’era prima.

I campanili, che spiccano vicino al presbiterio, hanno inconfondibili tetti a cipolla: furono aggiunti nel Settecento e vennero poi sostituiti dopo il tremendo terremoto che si verificò nel 1895.

I francescani vennero qui nel 1784, e portarono con sé parte dell’arredo della loro vecchia chiesa di piazza Vodnik. Salgo i gradini della scalinata ed entro nell’edificio ecclesiastico barocco che ora porta il loro nome.

La volta della navata è una meraviglia affrescata dal pittore sloveno Matevž Langus che la decorò intorno alla metà del XIX secolo. Ne seguo i tratti sino all’altar maggiore: davanti all’opera del 1738 dello scultore italiano Francesco Robba, a Natale viene allestito il più grande presepe della città.

Celata ai miei occhi, nascosta nella sagrestia c’è la croce, realizzata su disegno di Joze Plečnik, il padre della moderna capitale slovena. Fu lui che col suo talento modellò di nuovo la cittadina rendendola una centro europeo d’élite.

Attento a non disturbare la preghiera dei fedeli seduti ai banchi, torno sui miei passi e ammiro il pulpito sul lato sinistro e in fondo e in alto le canne metalliche del grande organo.

Tutti elementi questi, insieme agli affreschi laterali dei santi, che caratterizzano ancor di più gli interni della Chiesa dei Francescani. E ne fanno il primo edificio ecclesiastico barocco costruito ex novo a Lubiana.

I commenti all'articolo "Chiesa dei Francescani, il barocco di Lubiana"

Scrivi il tuo commento tramite

Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...