Isola di Bled, incanto sloveno

di
Isola di Bled, Slovenia © Andrea Lessona

Isola di Bled, Slovenia © Andrea Lessona

Dall’isola di Bled, lievi rintocchi attraversano il lago e arrivano sino alle sponde. Lì ormeggiate, caratteristiche barche a remi aspettano i visitatori per salpare e portarli là, tra questo specchio d’acqua delle Alpi Giulie.

Di origine glaciale, si trova nel nord-ovest della Slovenia. Tela trasparente all’unica isola naturale della Nazione, riflette il paesaggio vergato dal castello, dalle montagne e dalle foreste intorno.

Ne vedo i tratti sfregiati mentre l’imbarcazione procede lenta verso l’isola di Bled, e i rintocchi si fanno più forti. Dopo un quarto d’ora, la barca attracca di fronte ai 99 scalini che portano al piazzale.

Tradizione vuole che chi decida di sposarsi qui, debba prendere in braccio la futura moglie e, un passo alla volta, salire i gradini. Esausto, si trova di fronte la chiesa di Santa Maria Assunta.

Campana dei desideri dell'isola di Bled © Andrea Lessona

Campana dei desideri dell’isola di Bled © Andrea Lessona

È stata edificata proprio dove, sino al 745, prima della cristianizzazione della zona e dell’isola di Bled, c’era un tempio per la dea dell’amore pagana Živa. Nel 1465 l’edificio aveva tratti gotici con navata singola. Poi nel XVII secolo fu rifatto in stile barocco.

Nell’atrio, il piccolo lapidario conserva il rilievo originale della Croce di Hren di Ljubljana. Nei lastrici della navata ci sono aperture con la presentazione archeologica dell’architetto Tone Bitenc, e sulle pareti affreschi della vita di Maria.

Dall’ultima trave della navata, una corda lunga e spessa pende sin quasi al pavimento della chiesa: se tirata forte, fa suonare la campana dei desideri i cui rintocchi di diffondono per tutto il lago.

Opera di F. Patavino da Padova, risale al 1534. Leggenda vuole che nel castello sulle sponde del lago vivesse la vedova Polissena. Dopo la morte del marito, la donna fece fondere una campanella per la chiesa dell’isola di Bled.

Durante il trasporto, la barca si capovolse con tutto l’equipaggio per un forte temporale. Così la campana cadde in acqua e, ogni tanto, è ancora possibile sentirne il suono provenire dalle profondità del lago.

Alla morte della donna, il Papa ne mandò una una nuova per la chiesa dell’isola di Bled. Così, da allora, chiunque la faccia suonare per onorare la Madonna vedrà il suo desiderio realizzato.

A fianco della chiesa, staccato dall’edificio, si alza il campanile: 52 metri d’ingegno edificati in pietra bucata – nota come grano saraceno. Salendone i gradini, dalle finestre si può ammirare il lago e le sponde intorno: un incanto dipinto dalla natura.

Per approfondire:
Wikipedia:

I commenti all'articolo "Isola di Bled, incanto sloveno"

Scrivi il tuo commento tramite

Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...